Torna alla Home page


Il Naviglio Grande

Il Naviglio Grande è un canale completamente artificiale derivato dal fiume Ticino, presso Tornavento, una località nel Comune di Lonate Pozzolo (oggi in provincia di Varese) e termina, dopo un percorso di circa 50 chilometri con un dislivello di 33 metri , nelle acque della darsena di Porta Ticinese in Milano. Il primo tratto è parallelo al fiume e segue l´andamento del terreno ; ad Abbiategrasso piega con un angolo quasi retto verso est e si dirige, con lieve differenza di livello rispetto al piano campagna, verso Milano.

La storia

La costruzione

Manutenzione e conservazione

Via di trasporto passeggeri

Via di trasporto merci

Canale di irrigazione


Il Naviglio di Bereguardo

Il Naviglio di Bereguardo ha una lunghezza di 18,85 Km e una caduta di 24,766 m; confrontando questi dati con quelli del Naviglio Grande che ha una lunghezza di 50 Km e una caduta di 33,4 m appare che il primo ha una pendenza di 1,313 m/Km contro 0,668 per il secondo.
Il Naviglio Grande aveva realizzato il capolavoro idraulico di un canale scorrente libero per ben 50 Km con una corrente sempre navigabile senza l´aiuto di una sola conca. Il Naviglio di Bereguardo invece è un´opera tecnicamente complessa che impegna ben dodici conche su un percorso molto più breve. Il dislivello di 24,76 m viene subito smaltito in massima parte (20,67) dalle conche e solo in misura minima (4,10) dalla pendenza. La distanza media tra una conca e la seguente è di 1,7 Km; il salto medio di 1,72 Km.

La storia


Il Naviglio di Paderno

"Questo naviglio di Paderno è lungo 2605 metri; largo 11 sul fondo; l´acqua è sempre tenuta a metri 1,20 d´altezza, colla pendenza di 0.10 almeno, e 0.45 al più ogni mille metri, sicché ha la velocità, per minuto secondo, di metri 0.31 al minimo, e 1,50 al massimo. La pendenza è divisa per metri 26.40 fra i sostegni, e per metri 1.10 fra il declivio del fondo". (C. Cantù, Grande illustrazione del Lombardo Veneto, Milano, 1857).


La storia

Il cantiere

L’alzaia

I mulini dell’Adda

Il sentiero in sponda milanese


Il Naviglio Martesana

Il Naviglio della Martesana, completato definitivamente nel 1496 sotto la guida di Ludovico il Moro, scorre da Trezzo sull´Adda a Milano per una lunghezza totale di 38 km. Il percorso affianca l´antica strada romana (l´attuale SS 11 padana superiore) che passava l´Adda con due rami: a Vaprio e a Cassano.
L´irrigazione dei terreni situati al di sopra della fascia dei fontanili fu a lungo l´uso prevalente del canale, tanto che in un primo tempo la navigazione era limitata a due giorni alla settimana; contestualmente al miglioramento della struttura agraria grazie all´irrigazione, si produsse in epoca barocca una notevole fioritura di ville signorili, volte a godere della comodità del viaggio sull´acqua e controllare le terre di proprietà. La funzione irrigua della Martesana non ha avuto effetti ordinatori del territorio paragonabili al Naviglio Grande ma certamente, più del Naviglio Grande, segna il confine netto tra pianura asciutta, a nord, e pianura irrigua, a sud, avendo come unico derivatore in sponda destra la roggia Crosina.

La storia


Il Naviglio Pavese

Il naviglio di Pavia ha il suo incile sotto le mura di Milano diramandosi dal naviglio Grande all´imboccatura del ponte del Trofeo.
Da Milano si distende fino alla città di Pavia seguendo l´andamento della strada postale ora in immediato contatto ed ora in qualche distanza dalla medesima.
A Pavia poi ripiega intorno alle mura, e ne asseconda il circuito fino allo sbocco in Ticino, tenendosi però sempre a qualche distanza dalla fossa esterna.
Verso la metà del suo corso il naviglio passa di fianco al paese di Binasco col suo massiccio castello visconteo in mattoni con cortile porticato e torri e alla Certosa di Pavia del 1396.
La linea del naviglio dall´uno all´altro estremo riesce lunga metri 33329, essendo intermediata da 12 sostegni o siano conche, 10 dei quali sono semplici e 2 accollati.
Per mezzo di questi manufatti il canale rimane diviso in 12 distinti tronchi oltre al bacino o darsena allo sbocco nel fiume Ticino." (Notizie Statistiche interno ai fiumi, laghi e canali navigabili delle provincie comprese nel governo di Milano - 1833)

La storia

Bocche di derivazione

Fiere e mercati

Le vecchie imbarcazioni

La navigazione